06th Feb
(da "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi")

Quando si tratta di arte e fotografia, è tutto lecito?

Mario Giacomelli è un gigante. E basterebbe raccontare di Scanno, per capirlo. La città abruzzese è una sorta di “ombelico del mondo” fotografico in cui prima o poi vorrei andare, perché fu inquadrata nel mirino di grandissimi maestri. Tra gli altri: Henri Cartier-Bresson, Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, e appunto Giacomelli. Quest’ultimo vi si recò […]

23rd Gen
Haus der Kulturen der Welt

La dittatura dello strumento

Una considerazione ovvia ma non banale: i grandi artisti hanno sempre avuto il “loro” strumento preferenziale. Eric Clapton “è” la Fender Stratocaster, Kurt Cobain la Mustang; Jimmy Page la Gibson LesPaul, B. B. King la ES-335; Mario Giacomelli la Kobell, Vivian Maier la Rolleiflex; Cartier-Bresson la Leica a telemetro, Ansel Adams il banco ottico; e […]

04th Mar
foto2

Sul digitale, l’analogico, e la destinazione d’uso

Qualche tempo fa, durante la pausa pranzo, un collega mi ha chiesto come mai fotografassi in analogico. Visto che il digitale è così comodo… Se da un lato parlo volentieri di questo argomento (ci ho pure scritto un libro!), dall’altro vi approccio sempre con un po’ di perplessità, perché sono quasi sicuro che le mie […]

09th Dic
42

FP4, Woodman, Fontana, e figuracce

Nell’ambito del “365 project” che sto tenendo sul mio Instagram, ho pubblicato qualche tempo fa questa immagine:  Questo progetto è in sostanza il “diario di un anno” attraverso uno scatto al giorno; e lo scatto ritrae il frutto di una mattina di shopping in centro nella mia città (Bologna). Benché io abbia acquistato anche altre cose […]

15th Ott
L'asso nella manica, 1951, regia di Billy Wilder

Il confine sottile tra progetto e affetti

Non esiste maggiore agonia del portare dentro di sé una storia non raccontata. (Maya Angelou) Un paio di anni fa scrissi un articolo circa i “progetti fotografici del dolore”, ossia quel genere di lavori in cui si racconta una storia dolorosa che spesso coinvolge i propri affetti. Nell’articolo scrissi che questi progetti mi provocavano un […]

29th Ago
Tina-Reciting-1924-34PO

I diari messicani di Edward Weston

Lettura di queste vacanze appena trascorse: “Ritratti al vivo” di Edward Weston, un interessante volume che riporta i diari del grande fotografo americano nel suo “periodo messicano” (dal 1923 al 1926). Nel 1923, Weston vive a Los Angeles; ha 37 anni, è marito e padre di quattro figli; ed è un fotografo affermato: sia commercialmente (si […]

19th Lug
(Fonte: Mashable.com)

Condividere le mie stampe sui social? Non ce la faccio…

Chiamatemi snob (ed avete anche ragione), ma io proprio non ce la faccio, a condividere le mie stampe sui social network; sebbene mi renda perfettamente conto di quanto essi rappresentino un terreno di compartecipazione fenomenale. Lasciando perdere Facebook (per il quale non nutro grandi simpatie, essendone uscito ormai da un anno dopo una “militanza” che durava dal 2009) trovo che […]

07th Giu
HCB e la sua Leica

Il fine non dipende dal mezzo

E’ noto che Henri Cartier-Bresson utilizzasse una Leica a telemetro. E’ scontato ma non meno importante, però, che utilizzasse anche le mani, i piedi, la “pancia”, gli occhi, e soprattutto il cervello.  Se acquistiamo una Leica a telemetro perché la usava HCB o per somigliare ad HCB, avremo una sola certezza: quella di aver speso un sacco di soldi. […]

26th Ott
1512318_10152802221401047_2164649497429876000_n

Come posso sapere se ho un ‘mio’ stile?

  Come ben sanno i miei quattro lettori, sono particolarmente affezionato all’idea di fotografo come artista. Con questo non intendo calarmi di nuovo nella annosa diatriba tra arte e fotografia, ma solo ribadire che il bravo fotografo, per me, deve necessariamente possedere una personalità artistica. Certo: le idee sono necessarie, così come sapere come manifestarle visivamente; ma […]

12th Ott
T-Rex (fonte: Wikimedia Commons)

Fotografi ‘social’ o dinosauri?

Anche se il titolo farebbe supporre un ennesimo capitolo della diatriba tra digitale ed analogico, dico subito che no, non si tratta di questo. Si tratta in realtà di una domanda che mi pongo da qualche tempo e giro ai miei quattro lettori (se avranno voglia di intervenire nei commenti): Continuo a chiedermelo, perché con […]

05th Ott
just-do-it

Perseguendo il non agire

Il mio incontro con il Tao Te Ching risale ormai a circa due anni fa. L’ho letto tutto, riletto e sottolineato, riletto e sottolineato ancora, lasciato “macerare”… Tra le altre cose, questo testo mi ha ispirato anche l’articolo “Elogio del non sapere”. Adesso mi trovo a meditare su un concetto altrettanto paradossale: “Non agire”. Che permea tutta […]

28th Set
Usain Bolt al Golden Gala 2011 (Wikipedia)

Le scarpette di Usain Bolt

Non è la colla che fa il collage. (Marcel Duchamp) Usain Bolt, soprannominato “fulmine”, è il famoso velocista giamaicano detentore del primato mondiale sui 100 e 200 metri piani. Nel 2009, durante le Olimpiadi di Berlino, stabilì il primo record con una media di 2 metri e 44 centimetri per ogni passo! Via le scarpe […]

14th Set
Berlino

Avatar e verginità

E niente, sta di fatto che mi son trovato a “dover” caricare un avatar per il mio profilo su LinkedIN. (Per i meno avezzi – ormai rari come i Panda – preciso che LinkedIN è un social network a contenuto professionale, e l’avatar è l’immagine del profilo che compare quando un utente lo visualizza). E’ una […]