Appunti di Aperture – 2: la scrematura delle immagini

On 20/02/2012 by Nicola Focci

La selezione delle foto è un processo fondamentale quasi quanto la seduta di scatti vera e propria. Apple Aperture mette a disposizione un raffinato sistema di rating che andiamo a descrivere, basato sul classico sistema della votazione “a stelle”, ma con alcune chicche tali da agevolare notevolmente il lavoro.

rating

Ad ogni immagine è possibile applicare su Aperture un set di sette possibili votazioni:

  • 5 stelle (scorciatoia di tastiera: tasto “5”), cioè la votazione massima.
  • 4 stelle (“4”)
  • 3 stelle (“3”)
  • 2 stelle (“2”)
  • 1 stella (“1”)
  • Senza voto (“0”)
  • Scartata (“9”)

I tasti “+” e “-” permettono rispettivamente di aumentare o decrescere il rating della foto selezionata.

Aperture mostra il rating della foto sia nella sua miniatura che nel pannello “Metadata” a sinistra. Le foto scartate riportano una “X” rossa. Se non è mostrato nulla, la foto è “Senza voto”.

filtro

E’ possibile visualizzare solo gli scatti con un determinato rating utilizzando il filtro rapido (in alto a destra, nella casella di testo della ricerca con la lente d’ingrandimento) o col più raffinato “Filter HUD” (richiamabile facendo click sul bottone “Filter HUD” accanto alla predetta casella di ricerca). Ecco come si presenta quest’ultimo (immagine tratta dal manuale utente di Aperture):

La riga “Rating”, spuntata in figura, mostra come filtrare per per “rating più grande o uguale di”. Ovviamente è anche possibile filtrare per “rating “minore o uguale a” oppure anche solo “uguale a”. Inoltre si possono aggiungere criteri di filtro più approfonditi e/o personalizzati: uno strumento di grandissima flessibilità.

Il filtro viene istantaneamente applicato nel browser.

Personalmente, comunque, trovo anche utili gli Smart Album per raccogliere automaticamente le foto di un determinato rating. Ad esempio, le foto con 5 stelle potrebbero essere raccolte in uno Smart Album denominato “Portfolio” all’interno del progetto.

flusso di lavoro

Ognuno ha la propria metodologia di rating, però un buon sistema potrebbe essere quello di seguito esposto (liberamente tratto da questo articolo).

Si parte ovviamente da un set di foto “Senza voto”.

  1. Si assegna una stella a tutte le foto che non sono tecnicamente sbagliate. Via dalle scatole, insomma, gli scatti sfuocati, sottoesposti, terribilmente storti, e così via. (Attenzione: ancora non si sta dando un giudizio di merito sulle foto, ma puramente di correttezza tecnica).
  2. Filtrare per 1 stella (vedi sopra).
  3. Si assegnano due stelle a quelle foto che hanno rispettato lo scopo della seduta di scatti, lasciando da parte quelle fuori tema o comunque quelle che non si vuole più avere fra i piedi (è l’ultima occasione per farlo!). Anche in questo caso non si valuta ancora l’eccellenza, ma puramente la coerenza.
  4. Filtrare per 2 stelle.
  5. Si assegnano 3 stelle alle foto che piacciono, quelle che si vorrebbe mostrare a un amico o un cliente, quelle che si vuole approfondire perché intriganti. Il passaggio da 2 a 3 stelle è particolarmente critico! Spesso aiuta chiedersi: mi piace davvero questa foto, oppure no?
  6. Filtrare per 3 stelle.
  7. Si assegnano 4 stelle secondo questa metafora: <<Decidere chi tra i nostri conoscenti è un buon amico, e chi è solo una persona gradevole>>. Saremmo contenti di presentare i nostri buoni amici a un cliente o un nostro pari, no? Insomma, le 4 stelle vanno date con molta attenzione. Vale la pena di fare anche qualche verifica tecnica (è davvero tutto a fuoco?, siamo sicuri dell’esposizione?, ecc).
  8. Filtrare per 4 stelle.
  9. Le foto con 5 stelle sono le vincitrici. Sono perfette in ogni elemento, da stampare a dimensione della parete di una casa. Non raggiungono solo l’obiettivo di quello scatto particolare, raggiungono anche l’obbiettivo di noi stessi come fotografo.

Spesso le 5 stelle vengono date solo come valutazione interna, e le foto a 4 stelle fanno comunque parte del set finale; può poi essere interessante farlo vedere a un esterno, e confrontare le sue preferite (le sue 5 stelle) con le tue.

decisioni difficili

Aperture ci facilita il compito quando si tratta di valutare foto apparentemente simili. Capita spesso nel caso dei ritratti: è difficile dare un rating oggettivo senza confrontare le foto una con le altre.

Si seleziona allora la foto che apparentemente è la migliore,  e quindi si fa clic sul menù “View”, poi “Main Viewer”, poi “Compare”. L’immagine appare ora nel viewer con un bordo verde, e sarà il nostro riferimento. Facendo clic su un’altra immagine, la si vedrà apparire (sempre nel viewer) immediatamente a fianco, ma con un bordo bianco. Per cambiare la foto da confrontare, basta cliccare su un altro scatto.

Usando una serie di scorciatoie da tastiera, è possibile modificare il rating sia dell’immagine di riferimento, sia di quella a confronto:

  • Opzione (alt) + “=”: incrementa il rating dell’immagine di riferimento.
  • Opzione (alt) + “-“: decrementa l’immagine di riferimento.
  • “=”: incrementa l’immagine a confronto.
  • “-“: decrementa l’immagine a confronto.
  • “9”: scarta l’immagine a confronto.

Per uscire dalla modalità di confronto:  Mela + invio.

ARTICOLI PRECEDENTI

Lascia un commento