Per imparare bisogna ripetere

On 06/01/2014 by Nicola Focci

Yoda_photographer

Qualche tempo fa ho acquistato due librerie all’Ikea.

Mi sono sorpreso di averci messo venti minuti a montare la prima, e solo un terzo del tempo a montare la seconda!

Ma in realtà non è eccessivamente sorprendente: l’essere umano impara ripetendo. Non credo vi siano altri modi analogamente efficaci.

Questo vale anche in fotografia.

Leggere, è molto importante… così’ come lo è andare a mostre, comprare libri fotografici, guardare gli scatti dei maestri e di “quelli bravi”. Però, in definitiva, bisogna poi andare sul campo e provare concretamente tutte queste cose.

Per questo motivo, ritengo importanti anche le esperienze che si fanno ai workshop. Laddove alla pratica si aggiunge un altro importante elemento: il confronto.

E se proprio non si ha tempo/modo di partecipare a un workshop, l’alternativa è semplice:

Per fare buone fotografie, bisogna alzare le terga ed uscire a fare fotografie!!
  • Poco importa avere un progetto o un soggetto. Anzi: è quasi meglio avere la mente sgombra.
  • Poco importa il tipo di macchina (o di tecnologia). Basta che sia una scatola in grado di produrre fotografie!

Quanto a me, l’ultima mia follia è quella di usare lo stesso sistema per migliorare la mia calligrafia.

Che si potrebbe definire galligrafia, da quanto fa schifo!

E allora mi sono comprato un libro (“Calligraphy for Dummies”) e mi sono messo a ripetere le lettere, come si faceva da bimbi. Tante “a”, tante “b”, tante “c”, tante “d”…

foto

Lo ripeto: dubito esistano altri sistemi.

Lascia un commento